Niente più “Operazione Cieli Bui”

Sharing is caring!

Il provvedimento contenuto nella Legge di Stabilità in discussione in parlamento, noto come Operazione Cieli Bui è stato bocciato in via definitiva dalla Commissione Bilancio della Camera.

Tale norma, proposta dal Governo in nome della Spending Review, doveva provvedere allo spegnimento dell’illuminazione pubblica o suo “affievolimento” durante la notte, contribuendo all’attuazione di tutte quelle “modalità di ammodernamento degli impianti o dispositivi di illuminazione” così da raggiungere “con sostituzioni tecnologiche” gli “obiettivi di maggiore efficienza energetica”.

La decisione ha ricevuto il duro commento del presidente dei Verdi Angelo Bonelli: “Con lo stop alla norma per eliminare gli sprechi e favorire l’efficienza e il risparmio energetico nell’illuminazione pubblica è stata cancellata una delle poche norme di buon senso della Legge di Stabilità”. Non solo: “Invece di seguire le indicazioni europee che puntano con forza su risparmio e efficienza energetica e sulle rinnovabili, l’Italia continua ad andare nella direzione opposta. L’innovazione tecnologica nel campo dell’illuminazione pubblica è un elemento fondamentale per ridurre da un lato le emissioni clima alteranti e dall’altro per tagliare i consumi energetici che spesso si trasformano in sprechi”.

 

[warning]Previsioni per giovedi 15 novembre 2012[/warning]

Condizioni del tempo in peggioramento: l”area depressionaria presente sul Nord Africa in spostamento verso levante verrà alimentata da correnti più fresche provenienti dalla penisola balcanica determinando, già dal mattino, un contesto di maltempo diffuso per almeno 24 ore, con fenomeni di pioggia più intensi sulle zone più esposte al versante Ionico, dalla Calabria alla Basilicata e al Salento. Sulla Valle ci attendiamo accumuli discreti, maggiori sul versante martinese, ma sicuramente non eccezionali. La temperatura è attesa in lieve diminuzione, specie le massime. Venti da Sudest, elevata umidità.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares