era ora!!!! si parla di prevenzione anche per l’ambiente.

Ci sono voluti anni e anni di notiziari televisivi drammatici, ma finalmente ora si cambia rotta!!!. Già, chi non ricorda le esondazioni del fiume Arno in Toscana (1966) e del Tanaro in Piemonte (1992) con conseguenze disastrose per il territorio o le frane che in Italia, negli ultimi 50 anni, hanno provocato più di 4500 vittime tra morti, dispersi e feriti???? Leggete qui gli studi condotti dall’AVI (Aree Vulnerate Italiane). Abbiamo sempre aspettato che il fenomeno disastroso colpisse il nostro territorio per poi intervenire per l’emergenze contando i morti e i costi!!! Ora il nuovo ministro per l’Ambiente Corrado Clini promette di realizzare un piano di sviluppo con un impegno economico di 40 miliardi di euro, per mettere in sicurezza il territorio italiano senza stare a inseguire le periodiche emergenze, risparmiando un buon numero di danni e di lutti. Ci trova d’accordo, ben fatto ministro.

I fenomeni disastrosi prima detti, frane ed esondazione, sono conseguenti di abbondanti precipitazioni e solo la giusta e corretta cura del territorio può assorbire una grande quantità di precipitazioni, altrimenti può solo amplificare un disastro.

Il tempo meteorologico per oggi, venerdì 1 giugno, sulla Puglia vedrà un cielo generalmente poco nuvoloso, vento debole a regime di brezza e temperatura in lieve aumento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *