Dopo il freddo torna la pioggia

Sharing is caring!

Rain-a30938450.jpgNel 2012 le emissioni globali di gas serra hanno raggiunto i più alti livelli nella storia umana, con un’ulteriore previsione di crescita per l’anno in corso: è quanto ha affermato una nuova ricerca fatta dal Global Carbon Project.

Il dato fa ancora più riflettere se si considera che ci troviamo in una fase di grave recessione economica.

Le emissioni di CO2 derivanti dalla combustione fossile e dalla produzione di cemento sono aumentate del 2,1 % lo scorso anno, per un totale di circa 10 miliardi di tonnellate di CO2 emesse in atmosfera, ovvero il 60 % oltre i livelli registrati nel 1990.
La maggior parte delle emissioni provengono, ovviamente, dal carbone, circa il 43%, seguito dal petrolio, con il 33%, dal gas, con il 18% e dalla produzione di cemento, circa il 5,3%. La combustione di carbone, nel 2012, si è reso colpevole del 54% circa dell’aumento di queste emissioni di CO2 in atmosfera.

Secondo la ricerca la Cina, per ovvi motivi legati alla dimensione spaziale e demografica, produce il 27 % delle emissioni globali.

[important]Previsioni per giovedi 28 novembre 2013[/important]
L’intensa e breve ondata di freddo che ha interessato anche il nostro territorio negli ultimi giorni sta lasciando gradualmente il posto a temperature più vicine alle medie del periodo, pertanto in risalita.
La giornata di giovedi sarà caratterizzata da cielo poco nuvoloso, a tratti soleggiato, temperature massime in lieve aumento, prossime ai 10°, vento debole di grecale. Tuttavia si tratterà, almeno come dinamicità meteorologica, di una momentanea tregua: infatti già da venerdi saremo interessati da un nuovo peggioramento delle condizioni atmosferiche, con prime piogge che, in base alle attuali proiezioni, specie tra sabato sera e domenica potranno assumere carattere di forte intensità. Ma per i dettagli sulla rilevanza di tali fenomeni vi invitiamo a seguire i prossimi aggiornamenti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares