Dalla pioggia al possibile primo freddo!

Sharing is caring!

Rain_ot_ocean_beach

Proprio nei giorni in cui non si parla d’altro che di disastro annunciato, dissesto idrogeologico e soprattutto di cambiamenti climatici, un segnale evidente di tali mutamenti viene dal mondo degli uccelli. Il ritmo delle migrazioni dei volatili sta cambiando: anno dopo anno le migrazioni vengono anticipate e si sospetta che la causa sia proprio il riscaldamento globale.

Secondo quanto affermato da una ricerca coordinata dall’università britannica East Anglia, gli uccelli migrano prima perché la temperatura più calda fa anticipare la nidificazione e la schiusa delle uova.
I ricercatori hanno seguito per 20 anni un gruppo di uccelli chiamati pittime islandesi. Durante questo periodo, lo stormo ha anticipato la sua data di arrivo in Islanda di due settimane. Si sospetta da tempo che a guidare questo nuovo modello migratorio siano i cambiamenti climatici, ma i ricercatori hanno voluto indagare a fondo per cercare il motivo specifico.
Secondo Jenny Gill, coordinatore del lavoro, avendo seguito gli stessi uccelli per tanti anni e conoscendo di conseguenza le età esatte di molti di loro, è stato possibile scoprire che gli uccelli nati alla fine del 1990 arrivano in Islanda in maggio, mentre quelli nati in anni più recenti tendono ad arrivare in aprile.

[important]Previsioni per Giovedi 21 novembre 2013[/important]

Dopo i disagi e i danni ingenti che la pertrubazione di martedi ha arrecato anche al nostro territorio, accanendosi in particolare sul Salento, è seguita, mercoledi, una fase interlocutoria, con cielo in larga parte sereno, assenza di fenomeni e vento di libeccio. Tuttavia, la calma apparente non deve ingannarci: la nostra Penisola anche nei prossimi giorni sarà teatro di ulteriori perturbazioni che, ad iniziare dal Nord Italia, porteranno il primo gelo “invernale”  su buona parte del Paese. Per il nostro territorio, tuttavia, ancora è presto per confermare l’arrivo del primo “vero” freddo, ma le proiezioni attuali sembrano coinvolgerci dall’inizio della prossima settimana.
Per giovedi un nuovo passaggio perturbato da Ovest influenzerà il tempo sul nostro territorio, con possibili piovaschi dal mattino. Tuttavia, nelle piogge, data la disposizione delle correnti da SudOvest, potremo risultare in parte riparati dalla catena appenninica.La temperatura è attesa in lieve diminuzione, specie le massime, in virtù della copertura nuvolosa.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares